Come trovare la migliore soluzione per la mastoplastica

Uno dei problemi più comuni che portano una donna a ricorrere alla chirurgia estetica è quello relativo a forma e dimensioni del seno: l’intervento più efficace per aumentare il volume del seno e creare una certa simmetria – laddove essa non c’è – è la mastoplastica. Vediamo cos’è la mastoplastica, quando è utile ricorrere ad un intervento di mastoplastica ed a chi rivolgersi per questo trattamento.

 

Cosa è la mastoplastica

La mastoplastica è un intervento chirurgico che viene eseguito sul seno, per motivi abbastanza comprensibili e comuni. Una donna, infatti, può presentare un seno notevolmente ridotto rispetto alla media, oppure di forma e di dimensioni che causano insofferenza e disagio dal punto di vista estetico ma anche dal punto di vista delle relazioni interpersonali.

I motivi per cui il seno può essere asimmetrico o di dimensioni non proporzionate rispetto al resto del corpo non sono chiaramente comprensibili, ma oggi possiamo determinare una possibilità di cambiamento estetico e quindi di risoluzione di questo problema, attraverso interventi chirurgici come la mastoplastica.

Essa consiste nell’aumento del volume del seno, e nel miglioramento delle proporzioni, modificando quindi l’aspetto del seno, e intervenendo lì dove vi è una forte asimmetria tra le mammelle o una evidente sproporzione delle dimensioni rispetto al resto del corpo. Si tratta, quindi, di una procedura chirurgica, che al giorno d’oggi, attraverso il progresso tecnologico, sta modificando sempre di più le sue tecnologie, volte ad ottenere il massimo risultato nel più breve tempo possibile e con le minori conseguenze possibili: fase post operatoria ridotta, e complicanze quasi ridotte allo zero.

Visto che il trattamento chirurgico di mastoplastica al giorno d’oggi fa uso di diverse tecniche, definire quale sia la migliore in assoluto non è possibile, anche perché la scelta deve essere fatta dal chirurgo a cui ci si rivolge. Quest’ultimo, prima di effettuare l’intervento vero e proprio, dovrà analizzare prima di tutto lo stato di salute della paziente attraverso una visita specialistica, andando così ad individuare forma e dimensioni del seno, ed escludere eventuali alterazioni che potrebbero contribuire in una minore risposta dell’intervento finale. Questa è detta fase pre-operatoria e, come è facile intuire, è una fase molto importante che precede l’operazione chirurgica di mastoplastica.

 

Quando è utile ricorrere a una mastoplastica

Esistono delle condizioni che determinano la necessità, per una donna, di ricorrere ad un intervento di mastoplastica additiva. Come abbiamo anticipato, è utile ricorrere all’intervento che rende possibile l’aumento del volume del seno e la correzione di una asimmetria mammaria nei seguenti casi:

  • Nel caso in cui la donna presenti un seno di forma e di dimensioni non proporzionate rispetto al resto del corpo;
  • In presenza di condizioni che possano aver alterato volume e forma del seno, come ad esempio la gravidanza e l’allattamento, in maniera naturalmente irreversibile;
  • Nel caso in cui sia evidente una assenza di simmetria delle forme tra le due mammelle.

Queste condizioni possono provocare una sensazione di disagio psicologico molto importante, per contrastare il quale può essere utile intervenire a livello chirurgico, attraverso l’inserimento di protesi in gel di silicone volte ad ingrandire la dimensione del seno. Questo intervento specifico – la cui scelta delle protesi dipende dal chirurgo – si chiama mastoplastica additiva.

Abbiamo parlato con una certa attenzione della mastoplastica additiva, ma occorre anche ricordare che esistono anche altre forme di questo stesso intervento, volte invece a ridurre il seno, oppure a dargli maggiore consistenza. Nel primo caso si va a ridurre il volume del seno – se è troppo grande, esso può risultare molto pesante e creare delle complicanze a livello vertebrale e della schiena – mentre nel secondo caso si interviene con un intervento detto di mastopessia.

 

Qual è la soluzione migliore per una mastoplastica

Per trovare la soluzione migliore che sia in grado di contrastare così il problema del seno piccolo o asimmetrico è utile rivolgersi ad un centro specializzato in questo genere di trattamenti. È però importante ricordare che, in maniera preventiva, è anche possibile e comunque consigliato fare riferimento ad una risorsa efficace, che è quella della rete, utilissima per leggere recensioni di chi ha già provato questo intervento e per comprendere quali possano essere disturbi e conseguenze.

Su un sito come clinic365.it è possibile trovare tutte le indicazioni relative alla mastoplastica ed anche cercare di individuare qual è la soluzione migliore per una mastoplastica, per accedere al sito clicca qui (link alla home su anchor clicca qui). Fermo restando che il metodo per il trattamento andrà sempre individuato dal chirurgo, dopo una attenta valutazione della paziente.

Infatti, esistono diversi tipi di incisione che sono sempre determinati da una scelta personale e professionale del chirurgo. Questa scelta, però, è in genere condizionata sia dalla scuola di pensiero del chirurgo stesso, sia dalle condizioni con cui si presenta il seno nel suo stato iniziale.

In genere si parla di:

  • Incisione eseguita nel solco sottomammario: in questo caso il lavoro del chirurgo risulta più semplice, ma la protesi potrebbe essere più facilmente individuabile dal punto di vista estetico;
  • Incisione che viene eseguita intorno all’areola mammaria;
  • Incisione che viene effettuata sotto l’ascella: questo influenza il chirurgo nell’utilizzo di protesi tonde;
  • Incisione per via transombelicale.

La durata di questo intervento varia a seconda del tipo di incisione eseguita, ed ovviamente anche il decorso post operatorio ed il risultato ottenuto possono presentare qualche piccola variazione in merito.

 

Perché è utile consultare più chirurghi

Come abbiamo visto, al giorno d’oggi sono davvero tante le tecniche a disposizione di chi intende sottoporsi ad un trattamento di mastoplastica volto ad aumentare le dimensioni del seno attraverso l’inserimento delle protesi. In genere, se eseguito da personale altamente formato e qualificato nel settore, e quindi da un chirurgo serio e preparato, non vi sono particolari rischi e complicanze legate alla mastoplastica, a parte qualche piccola infezione, che purtroppo in genere si ha soprattutto quando la paziente non segue alla lettera i consigli del chirurgo.

Vi sono però dei possibili rischi che si hanno, al contrario, quando ci si rivolge a personale non qualificato e quindi si cede alla tentazione di rivolgersi a millantatori o medici non specialisti – ed anche non seri – i quali offrono prestazioni ad un prezzo decisamente più basso rispetto al normale. Quando si cede a questa tentazione per spendere il meno possibile, si rischia di fare riferimento a figure non autorizzate, ed a strutture non strutture non qualificate, con rischi evidenti per la salute.

Sia per evitare questa conseguenza, sia per essere certi di ottenere il miglior risultato – ed anche il più efficiente in fatto di sicurezza e di garanzie – al minor costo è possibile, è consigliato chiedere più consulti e quindi farsi fare più preventivi da parte di più chirurghi. Così, si sarà sicuramente più certi di aver fatto la scelta giusta in funzione anche del rapporto tra qualità e prezzo.