Come eliminare la buccia d’arancia

Un vero e proprio dramma per moltissime donne, la buccia d’arancia è un problema che si presenta per via di un processo di alterazione dei tessuti adiposi: il caratteristico nome di questo inestetismo ricorda, dal punto di vista estetico, l’aspetto della buccia di un’arancia. Ma perché viene la pelle a buccia d’arancia e quali sono le cause di questo inestetismo della pelle? E soprattutto, come intervenire (in maniera naturale e anche attraverso trattamenti estetici) per eliminare il disturbo?

 

 

Perché viene la pelle a buccia d’arancia

La pelle a buccia d’arancia è un inestetismo della pelle. Esso si presenta in una modalità molto visibile, spesso in maniera tale da creare una sensazione di disagio in chi è affetto da questo disturbo, specialmente nel periodo estivo, quando la “prova costume” attanaglia e provoca tensione in moltissime persone.

Ma qual è il motivo per il quale si può avere la pelle a buccia d’arancia? Quali sono le cause che rendono possibile questo disturbo? Prima di ogni cosa, occorre ricordare che la pelle a buccia d’arancia è un problema molto più diffuso di quanto non si possa pensare: esso si ha nel momento in cui il processo di alterazione del tessuto di grasso della pelle raggiunge uno stadio avanzato.

La conseguenza di questa infiammazione del tessuto adiposo – che si ha a causa di una rottura dell’equilibrio tra la litogenesi e la lipolisi – è l’aspetto tipico della pelle, che al tatto è dura e granulosa, con fossette o buchini, che richiamano proprio la caratteristica presenza di buchi e fossette sulla buccia del frutto da cui questo inestetismo prende il nome.

In genere, la pelle a buccia d’arancia si presenta specialmente su alcune zone del corpo, ed in particolare essa è soprattutto localizzata sulle gambe e sulle braccia, con ampia diffusione specialmente sulla zona superiore delle gambe e quindi sui glutei. In qualche caso, la pelle a buccia d’arancia è anche presente sul seno.

Possono essere diverse le cause che determinano le condizioni di questo aspetto estetico della pelle. Una di esse è determinata dallo stile di vita: condizione essenziale, infatti, di una pelle a buccia d’arancia può essere quella di condurre uno stile di vita sedentario, con scarsa attività fisica, ed eventuali cattive abitudini per quel che riguarda l’alimentazione, magari ricca di grassi e zuccheri, e povera di fibre e proteine. Tra le altre cause che possono essere determinanti si ricorda però anche una possibile condizione ormonale tipica della donna, che è data dalle normali alterazioni durante il ciclo mestruale e la gravidanza: queste alterazioni possono favorire l’insorgenza di questo inestetismo.

 

I rimedi naturali

Analizzate le cause determinanti, possiamo quindi essere ben consapevoli anche dei possibili rimedi naturali che da un lato contribuiscono a prevenire questo disturbo, mentre dall’altro lato possono anche curarlo e portarlo ad un processo di guarigione.

Una condizione molto importante per la quale si può contrastare e prevenire l’insorgenza della pelle a buccia d’arancia è data da un cambiamento dello stile di vita: ad uno stile sedentario, si deve sostituire attività fisica, esercizio e movimento; ad una alimentazione scorretta, una dieta invece equilibrata e ricca in fibre. Inoltre, è molto importante bere molta acqua – i medici raccomandano di bere almeno due litri al giorno – così da evitare la ritenzione idrica.

Esistono poi altri rimedi naturali che possono favorire la possibilità di contrastare la pelle a buccia d’arancia: uno di essi consiste nel bere ogni mattina una bevanda a base di un bicchiere di acqua e 1 cucchiai di aceto di mele.

 

I trattamenti estetici

Esistono poi diversi trattamenti estetici contro la pelle a buccia d’arancia, che possono essere eseguiti da parte di personale medico specializzato e principalmente da parte di un dermatologo, da parte di un medico estetico e – nel caso dei trattamenti di chirurgia – da parte di un chirurgo plastico. Essi possono variare, a seconda dello stadio del disturbo, e del tipo di inestetismo.

Tra i vari trattamenti estetici contro la pelle a buccia d’arancia ricordiamo:

  • La microterapia, trattamento che viene eseguito da un dermatologo. Essa consiste nell’infiltrazione – attraverso un piccolo ago – di sostanze che permettono di eliminare i liquidi ristagnanti per mezzo dell’urina;
  • La sonicazione controllata, eseguita dal dermatologo. Consiste nell’uso di onde ultrasoniche a bassa frequenza;
  • L’elettroporazione, tecnologia eseguita dal dermatologo che permette di eliminare il disturbo per mezzo di una procedura a basso potenziale elettrico.

 

La chirurgia

Esistono poi i rimedi di chirurgia estetica, i quali possono essere determinanti nel trattamento effettivo della pelle a buccia d’arancia: essi sono consigliati in presenza di uno stadio avanzato del disturbo, o comunque nel caso in cui i trattamenti estetici non abbiano svolto la loro funzione a dovere.

Tra le soluzioni chirurgiche consigliate ricordiamo:

  • La Liposuzione, che fa uso di piccole cannule per aspirare i grassi presenti nei tessuti;
  • La liposcultura, che modella il corpo in seguito al precedente intervento;
  • La microliposcultura, atta ad eliminare piccoli accumuli di grasso.